Il Sentiero del Pellegrino è una delle escursioni più belle dell’intera riviera ligure, un mosaico di meraviglie paesaggistiche e turistiche in grado di affascinare chiunque. Grazie alla sua inconfondibile peculiarità, il percorso in questione si presenta come una passeggiata a mare in altura con numerose attività da svolgere.

Che si tratti di una semplice escursione, o di una visita programmata, le opzioni a portata di mano regalano svago e relax; e non potrebbe essere altrimenti, visto e considerato che si tratta di una delle molteplici eccellenze del territorio italiano. Un’attrattiva, quindi, unica nel suo genere, dotata di spunti interessanti che possono essere colti da tutti, grandi e piccini.

La traversata collega il tratto Varigotti a Noli toccando, tra l’altro, diverse chiese sconsacrate come S. Lorenzo di Varigotti, S. Giulia e S. Lazzaro di Noli. Costeggiando le rupi lì presenti, si ha l’opportunità di incontrare due punti panoramici dai quali si scorge la falesia di Punta Crena. Una zona che, secondo alcuni esperti del settore, è ottima per ammirare il panorama circostante è impreziosire ulteriormente la propria esperienza.

Il punto di forza del Sentiero del Pellegrino

Una volta oltrepassato il bivio delle Manie, il Sentiero del Pellegrino propone la deviazione per entrare nella Grotta dei Falsari. Non appena si entra, si ha la sensazione di trovarsi in un antro preistorico e misterioso; d’altro canto, la leggenda narra che quel luogo fosse il ritrovo dei contrabbandieri per smerciare e custodire la propria merce. E che attraverso il suo ambiguo passato riesce a trasmettere, ancora oggi, una suggestione davvero intensa.

Accedere alla predetta grotta – così come percorrerla – richiede la dovuta cautela. Non mancano, infatti, sentieri e discese ripide, sormontabili fortunatamente mediante il supporto dei corrimano e dei suggerimenti di percorrenza collocati nei punti nevralgici del posto. Un’escursione corroborante, che fa il paio con i resti della Chiesa di Santa Margherita. A questi, poi, si aggiungono i resti dell’Eremo costruito dal Capitano De Albertis, intellettuale e viaggiatore di fine ‘800.

 

Cosa vedere a Noli, uno dei borghi più belli d’Italia

Come accennato poc’anzi, i poli del Sentiero del Pellegrino sono Varigotti e Noli. Quest’ultimo è ritenuto tra i borghi più incantevoli d’Italia; ragion per cui, decidere cosa vedere a Noli si trasforma in una ricerca piuttosto agevole. Oltre al mare, con i suoi bagni e il suo mare cristallino, a Noli si trova anche il Castello di Monte Ursino.

La costruzione, di stampo medievale, domina il paesaggio ed esalta tuttora l’impenetrabilità della sua cinta muraria restando indifferente allo scorrere dei secoli. Per non parlare, poi, della Torre dei Quattro Canti, alta 38 metri e dalla base trapezoidale che evidenzia una forma tripartita. Insomma, un altro, fantastico valore aggiunto per una cittadina ligure tutta da vivere.

Share This