Perché passare le proprie vacanze in Bulgaria? La nazione balcanica, pur risultando la più povera d’Europa, sta catturando sempre più l’interesse dei turisti. Da un po’ tutto il continente (e non solo) infatti, sono sempre più le persone che visitano località balneari come Varna o Burgas. Ma anche Bansko per quanto riguarda i mesi invernali per non parlare della splendida città di Plovdiv.

Nonostante i mass media italiani esprimano spesso pregiudizi fuorvianti e tendenziosi a riguardo, la Bulgaria è una realtà emergente e non solo per quanto riguarda il turismo. La mancanza di risorse importanti (la maggior parte dell’economia si basa su agricoltura e allevamento) è sopperita dai tanti investimenti esteri che stanno favorendo il fiorire di imprese e industrie varie. Ma quali sono i reali punti di forza di questa nazione e come mai il turismo savonese (e non solo) deve temere queste location emergenti?

Le vacanze in Bulgaria? Economico, ma non solo…

Innegabile che il principale vantaggio per chi vuole passare le proprie vacanze in Bulgaria sono di natura economica. Pur essendo in UE infatti, questo stato mantiene una propria moneta (il Lev) che, con il cambio favorevole, può risultare l’ideale per dei viaggi estivi low cost. Si tratta di una scelta accessibile anche a stipendi medio bassi, pur offrendo servizi eccellenti che possono competere con le nostre località più rinomate.

La Bulgaria sta investendo molte risorse e promuove molte iniziative nel settore turistico. Nonostante la Liguria sia dotata di una bellezza che non è paragonabile a quanto offerta dall’area del Mar Nero, questo paese è un competitor in ascesa e da tenere in grande considerazione per il futuro a medio-lungo termine.

La Perla del Mar Nero e le varie località balneari

Al di là di questo particolare da non sottovalutare però, la Bulgaria ha molto da proporre sotto diversi punti di vista. Il Mar Nero, per esempio, è uno dei motivi per cui sempre più turisti giungono sulle coste bulgare. Località come Varna (definita la Perla del Mar Nero) e le località vicine come Golden Sand o Sunny Beach sono aree all’avanguardia per quanto riguarda strutture turistiche e non solo.

Di anno in anno, altre località come Burgas si stanno ampliando le proprie strutture turistiche, offrendo standard di alto livello qualitativo oltre a una serie di attrattive e servizi che possono ormai competere con le più rinomate località turistiche italiane.

La differenza tra spiagge bulgare e quelle italiane

Parlando proprio del Mar Nero, possiamo affermare che essendo un mare quasi chiuso, è generalmente leggermente meno pulito rispetto al Mar Ligure. A dispetto di ciò, la balneazione non è assolutamente a rischio.

Se ci si focalizza sugli arenili e la loro gestione, vi è una concezione molto diversa rispetto a quanto proposto in Italia (o perlomeno dalla nostra amata Liguria).

Una vasta area di sabbia è considerata libera e liberamente utilizzabile dai turisti, mentre le postazioni a pagamento sono posizionate più lontane dal mare. Per quanto riguarda la pulizia, tutta la spiaggia viene curata regolarmente e si presenta in maniera impeccabile ai visitatori.

Non solo spiagge…

Non mancano le opportunità per chi comunque non apprezza particolarmente il mare: Plovdiv è una città che, oltre ad essere bellissima, risulta ricca di storia. Non per niente questa città (insieme all’italiana Matera) è stata nominata capitale europea della cultura 2019. Naturalmente è bene non dimenticarsi di Sofia, la capitale del paese e centro di grande importanza per quanto riguarda tutta l’area balcanica.

Sorprendente può risultare la proposta di passare le proprie vacanze in Bulgaria anche nella stagione invernale (a patto di non patire il freddo!). Bansko, per esempio, è una località sciistica in grande ascesa e pressoché sconosciuta agli italiani ma che si sta ritagliando un nome a livello continentale.

Perché passare le ferie in Bulgaria?

Naturalmente si tratta di gusti personali. Pur non potendo competere con l’Italia per quanto riguarda la bellezza, vi è una cura particolare nelle strutture ricettive e tutto ciò che fa da “contorno” al mare. Il fattore economico poi, ha un grande peso: in un ristorante o una pizzeria di una qualunque località turistica infatti, difficilmente si spenderà più di una decina di euro a testa, con un servizio paragonabile a quello presente in Italia. Se poi ci si sposta in luoghi meno turistici, i prezzi scendono ulteriormente…

Al di là di ciò che è strettamente collegato al turismo, la Bulgaria è un paese in grande ascesa: una nazione povera ma tutt’altro che misera, una popolazione semplice, orgogliosa, fortemente identitaria ma contemporaneamente ben disposta verso i turisti stranieri.Un fatto che speriamo non venga sovvertito in futuro è che il popolo bulgaro ha una grande stima nei confronti degli italiani e quindi l’accoglienza è particolarmente benevola nei nostri confronti.

Share This