Le grotte di Borgio Verezzi sono costituite una serie di cavità carsiche situate nel territorio dell’omonimo comune. Note anche come grotte Valdemino, queste sono una delle principale mete turistiche della cittadina di Borgio Verezzi, conosciuta anche per le splendide spiagge e per lo straordinario centro storico di Verezzi.

Le grotte in questione rappresentano uno dei più fulgidi esempi di fenomeno carsico, in virtù del complesso di strutture sotterranee generate nel corso dei millenni dall’erosione della roccia da parte dell’acqua.

L’attuale percorso al pubblico è lungo circa 800 metri. In questi spazi sono incluse sale e tunnel che includono stalattiti e altre formazioni calcaree, frutto del lavoro instancabile dell’acqua. All’interno delle grotte sono presenti reperti di animali come rinoceronti, elefanti, tigri, coccodrilli, orsi delle caverne e persino mammut. Nonostante sia difficile pensare a questi animali abbinati al territorio dell’attuale Liguria, mezzo milione di anni fa erano piuttosto comuni.

Le grotte di Borgio Verezzi: la scoperta

Anche se già in periodi antichi la popolazione locale era a conoscenza di alcune cavità nel sottosuolo, la vera e propria scoperta delle grotte avvenne nel corso degli anni ’20, quando il podestà Giacomo Staricco, in seguito a diverse alluvioni, ordinò di allargare alcune fratture sotterranee preesistenti dove il rio Batorezza venire letteralmente inghiottito dal sottosuolo. I lavori effettuati in questi punto non ebbero esito positivo e tutto si fermò per un decennio.

Nel corso degli anni ’30 l’ennesima pioggia intensa, causo un crollo nei pressi del pozzo e, a poca distanza da esso, tre ragazzini locali, scoprirono l’entrata delle grotte, giungendo fino alla prima sala. A dispetto di ciò passarono quasi vent’anni prima che le grotte di Borgio Verezzi venissero effettivamente esplorate, scoprendo un incredibile mondo sotterraneo fatto di gallerie e sale, alcune delle quali che si districano fino sotto il centro abitato.

Visitare le grotte

Come già affermato, per chiunque visiti la cittadina rivierasca è quasi un obbligo fare una capatina alle celebri grotte. Queste risultano aperte dalle ore 9.30 alle 10.30, dalle 11.30 alle 15.00 e dalle 16.00 alle 17.00. Il lunedì, tranne i festivi, le grotte non sono aperte il pubblico (così come il 25 dicembre e il primo di gennaio). La visita, nel suo complesso, dura circa un’ora e la temperatura interna è di 16 gradi costanti tutto l’anno.

Per quanto riguarda il costo dei biglietti è bene ricordare che, per gli adulti il costo del biglietto è pari a 9,00 euro. Per bambini dai 4 ai 12 anni invece, il costo del biglietto è pari a 6 euro.

Share This