I pansoti, noti anche come pansotti, sono una tipica ricetta ligure. Da La Spezia sino a Ventimiglia, questa specialità culinaria accomuna tutta la regione, seppur con qualche inevitabile piccola variante.

Si tratta di una pasta ripiena che, per molti versi, si presenta pressoché identica ai ravioli. Rispetto a tale specialità però, le dimensioni appaiono evidentemente ridotte e il ripieno non presenta carne. Proprio l’assenza di carne, soprattutto nei tempi antichi, veniva associata a un cibo povero ed economico, nonché strettamente connesso al periodo della quaresima.

La ricetta per preparare i pansoti

Preparare i pansoti è piuttosto semplice così come sono piuttosto semplici gli ingredienti richiesti, ovvero:

  • uova 4
  • farina 300 grammi
  • acqua 150 ml
  • borragine 1,5 chili
  • ricotta 250 grammi
  • formaggio grana padano grattugiato 60 grammi
  • maggiorana (a piacere)
  • sale (a piacere)

Come condimento consigliamo la salsa di noci. Nota bene: le quantità si riferiscono a 4 porzioni di pansoti.

Per cominciare, si devono fare bollire leggermente le foglie di borragine, per poi farle raffreddare. Una volta che queste sono tiepide, si devono strizzare accuratamente, dunque vanno tritati a mano (tramite mezzaluna). Una volta terminata questa fase si ripone il risultato in un contenitore e si aggiungono salve, uova, ricotta, maggiorana e formaggio, mescolando il tutto. Una volta che l’impasto è ben amalgamato, questo va messo a riposo nel frigo per 12 ore.

Mattarello in legno o macchina per fare la pasta?

Fatto ciò, si può passare alla preparazione della pasta che andrà ad avvolgere il pansoto. Mescolando la farina e l’acqua si impasta con vigore l’impasto sino al raggiungimento di una consistenza adeguata (eventualmente aggiungendo ulteriore farina). Fatto ciò si fa riposare l’impasto per mezz’ora. Al termine del riposo, si può procedere distendendo l’impasto con il mattarello o con una macchina per la pasta. Nota bene: utilizzando un mattarello in legno, i pansoti avranno una superficie più ruvida, che si sposa perfettamente con i sughi più corposi.

Una volta ottenuta la sfoglia, si può tornare a lavorare anche con l’impasto precedentemente preparato. Utilizzando un cucchiaino, si preleva una noce di impasto da posizionare sopra la pasta distesa. Dopo aver posizionato diverse porzioni di impasto, si può procedere posizionando una seconda sfoglia sopra il risultato ottenuto. Avvalendosi delle dita dunque, si va a definire i contorni del pansoto, facendo fuoriuscire l’eventuale aria presente tra le due sfoglie e l’impasto. Una volta delineati i singoli pansoti, si può operare con la tipica rotella per ottenere una sorta di ravioli molto piccoli.

La cottura dei pansoti

A questo punto, i pansoti sono pronti e non resta altro da fare che cucinarli e gustarli. Questi vanno calati in acqua bollente salata. La cottura dura 4-5 minuti e, una volta pronti, è possibile servirli con pressoché qualunque tipo di salsa o sugo. Il nostro personale consiglio, è quello di gustare questa squisita ricetta ligure con una salsa di noci, possibilmente preparata in casa.

Share This